I Weekend del Gusto

Sei weekend per sei temi culinari: giunte ormai alla quarta edizione, i Weekend del Gusto tornano anche per l’estate 2015 al Rifugio Tognola! 

Sei weekend a tema dedicati alle specialità tipiche culinarie del territorio, che vi porteranno indietro nel tempo alla degustazione di piatti ormai consolidati nella tradizione ma anche alla scoperta di abbinamenti originali e ricercati. Dalla Tavola del Contadino, a quella del Cacciatore, per arrivare a degustare i Piccoli Sapori del Sottobosco, questi piatti vi lasceranno un ricordo indelebile dei gusti e sapori della tradizione Primierotta.

 

11/12 luglio 2015 // Sulla tavola del Cacciatore


La Caccia è una tra le attività più antiche, da secoli alla base del sostentamento dell’uomo, in pianura così come in alta montagna! Sapevate che ai laghetti di Colbricon è stato scoperto un insediamento di cacciatori risalente all’età della Pietra (6000 a.C.)? Tra i reperti ritrovati, oltre a bivacchi e officine, ci sono anche selci e resti di armi utilizzate per cacciare ad alta quota… Oggi come allora, questa zona è ancora popolata da una varia e vivace fauna! Non è raro dopo l’imbrunire vedere un gruppo di caprioli con i piccoli spingersi ai limiti del bosco, o attraversare fugacemente la strada…

Ma come distinguere un capriolo femmina dal maschio, quando a quest’ultimo cadono i palchi, le piccole corna che li caratterizzano? Dalla coda, che nei maschi è cortissima mentre nelle femmine di capriolo assume una particolare forma a cuore, riconoscibile anche dai meno esperti!

 

18/19 luglio 2015 // Dal Torrente Cismon all’Alpe Tognola


Pesce fresco ad alta quota? Certo che sì! La Valle di Primiero è ricchissima di torrenti, di pesci di diverse specie, come Trota Iridea e Fario, e il Salmerino… e di appassionati e zelanti pescatori!
Il Cismon è il torrente più importante della zona, la cui sorgente si trova ai piedi del Cimon della Pala, uno dei massicci delle Pale di San Martino! Rinforzato dai piccoli e grandi affluenti che nascono da fonti incontaminate, attraversa tutta la Valle arrivando infine alla provincia di Belluno, dove sfocia nel Brenta. Un vecchio detto primierotto, infatti recita:

El Brenta no sarìe el Brenta, se el Cismon no’l ghe dése na pénta! Ossia il Brenta non sarebbe tale, se il Cismon non gli desse una bella spinta col suo corso vigoroso!

 

25-26 luglio 2015 // I Sapori del sottobosco, piccoli tesori nascosti!


Anche il bosco è un mondo tutto da scoprire! A chi sa osservare e cercare… E spesso anche solo a chi ha un po’ di fortuna, i luoghi ombreggiati al limitare del bosco regalano tanti piccoli tesori, utilissimi per le loro proprietà nutritive e officinali come erbe e fiori… e certamente deliziosi da gustare!

Chi va per funghi lo sa: ci vuole la giusta umidità, bisogna cercare bene, e di solito ognuno ha il suo “posticino nascosto” dove sa di poter trovare qualche brisa (porcino, in dialetto) all’ombra degli alberi. Fragoline e lamponi invece spesso crescono ai bordi del sentiero, e in quel caso è la fortuna a fare la differenza, oltre all’occhio attentissimo dei bimbi che non se ne lasciano sfuggire uno! Per i mirtilli invece, una volta trovato un cespuglio, bisogna armarsi di molta pazienza e delicatezza… o dell’apposito rastrellino, uno strumento simile a un pettinino che consente di raccogliere contemporaneamente molte bacche senza rovinarle! Al naturale o con una spolverata di zucchero, queste piccole sorprese del bosco sono perfette anche per la merenda dei più piccoli!

 

1/2 agosto 2015 // Sapori e tradizioni di un tempo


Pape = s.f. [sempre plurale, Le pape]- farinata; cibo comune preparato un tempo specialmente per i bambini con farina di granturco e frumento mischiate e cotte nel latte diluito con acqua: i benestanti versavano sulle Pape del burro fuso, un lusso.
[L. Tissot, Dizionario primierotto, Trento 1976].

Le Pape sono un cibo povero ma nutriente e gustoso, un classico della cucina contadina locale! Il loro principale ingrediente, el Sórch (o mais) è da secoli uno dei cereali più coltivati qui nel Primiero, fondamentale per il sostentamento degli abitanti nei periodi di ristrettezze. Viste le scarse vie di comunicazione i contadini non avevano certo la possibilità di recarsi in città spesso per fare rifornimenti e avevano imparato a vivere sfruttando la terra e il clima, coltivando qualche cereale e inventando qualche ricetta come le Pape o la Polenta che potessero saziare e sfamare molti con pochi ingredienti.

Oggi possiamo gustarle con dell’ottimo burro fuso o con la Poìna, la ricotta affumicata, che però a differenza delle Pape, è meno sostanziosa, secondo un proverbio primierotto: “Poìna, pì che se ghe n’magna, manco se camina!”

 

29/30 agosto 2015 // Dalla Malga alla nostra Tavola


Formaggio fuso, ricotta, burro di malga… Ma cosa sappiamo davvero su questi prodotti e sul latte, prezioso materia prima?
Il sapore di questi prodotti è reso unico da un latte che viene munto e lavorato secondo tradizione, per prodotti genuini come lo erano un tempo!

Lo sapevate? In estate, durante il periodo dell’alpeggio ogni mucca può addirittura dimezzare la sua produzione di latte!
No, non preoccupatevi, è tutto normale! La mucca dalla malga fa molto movimento spostandosi anche a quote considerevoli sui pendii, per mangiare solo erba e fiori… La quantità di latte prodotta è inferiore a quella dell’inverno, ma il suo gusto e il profumo aromatico sono inconfondibili!

Ogni mucca viene munta due volte al giorno, ogni dodici ore! Nella zona del Primiero la consuetudine della mungitura a mano è andata scomparendo solo negli anni Ottanta, mentre oggi si utilizzano macchinari d’avanguardia… Con questa tecnologia si perde un po’ la poesia del momento, ma non temete, lo nostre mucche sono molto coccolate lo stesso dagli allevatori e dai pastori che le accudiscono ogni giorno!

 

5/6 settembre 2015 // Wir sind Oktoberfest!


L’estate è quasi finita e in queste giornate di settembre cosa c’è di meglio di un buon pranzo con i classici della cucina tirolese e una buona birra fresca? Le tradizioni gastronomiche della zona alpina, seppur con variazioni di nomi e qualche ingredienti, sono spesso molto simili, dalle Valli del Trentino fino all’Austria e più su, passando per l’Alto Adige. Con queste zone abbiamo molto in comune a livello linguistico e culturale, soprattutto per motivi geografici e storici: la zona di Primiero fu infatti per lungo tempo, fino alla I Guerra Mondiale, parte dell’Impero Austroungarico, annessa al Tirolo.

I famosi Knödel, ossia Canederli in italiano ma anche in dialetto, vengono preparati e gustati tra le popolazioni di montagna della zona tirolese da più di 4000 anni, e preparati ancora oggi in numerose varianti, anche dolci. Non resta che accomodarsi e scegliere una buona birra per accompagnare queste prelibatezze!

Zum Wohl!

Rifugio Tognola

Può Interessarti...

CALENDARIO EDIZIONE 2015:

  • 11/12 luglio 2015 – Sulla tavola del cacciatore
  • 18/19 luglio 2015 – Dal torrente Cismon all’Alpe Tognola
  • 25/26 luglio 2015 – I sapori del sottobosco, piccoli tesori nascosti
  • 1/2 agosto 2015 – Sapori e tradizioni di un tempo
  • 29/30 agosto 2015 – Dalla malga alla nostra tavola
  • 5/6 settembre 2015 – Wir sind Oktoberfest!

 

  • Prezzo menu degustazione: 28 € / persona
  • Prezzo menu con A/R Cabinovia Tognola: 33 € / persona